Al momento stai visualizzando Come Micorizzare Piante da Tartufo

Come Micorizzare Piante da Tartufo

Una passione diventata realtà. La nostra Azienda GM Pozzuto da anni si dedica con passione, continuo studio e ricerca e alla micorizzazione di piante da tartufo con l’utilizzo di tecniche e strumentazione innovativa al fine di relizzare tartufaie produttive e di successo. Grazie anche all’ausilio esterno di consulenti specializzati, alle collaborazioni con l’Università di Perugia, e a enti certificatori (riconosciut dal ministero) riusciamo a seguire importanti progetti a 360 gradi (dalla consulenza prevendita, alla scelta delle specie simbionti, alla corretta coltivazione fino alla consulenza post vendita).

Se sei all’interno di questa pagina sarai certamente alla ricerca di un valido metodo per la micorizzazione di piante tartufigene; bene! nelle poche righe che seguiranno ti racconteremo il nostro approccio e ti presenteremo il nostro affascinante mondo: il mondo della micorizzazione delle piante da tartufo.

Scelta della specie da micorizzare

Uno step importante, prima di iniziare un percorso di micorizzazione, è la conoscenza profonda delle c.d. specie simbionti, a tal proposito bisogna tener presente che, nonostante le specie in grado di vivere in simbiosi con i tartufi siano alcune decine, ogni specie di tartufo presenta particolari affinità solo con alcune di esse. Bisogna tener presente che sono molto rilevanti, ai fini di una corretta micorizzazione, sia le tecniche utilizzate che la selezione delle piante di partenza. Per ciò che attiene alle piante da micorizzare noi partiamo direttamente dal seme, che crescerà in terreno scevro da qualunque “contaminazione”, seguiamo poi con particolare attenzione lo sviluppo della piantina provvedendo anche alla sua crescita con opportune e funzionali potature. Ulteriore ed importante elemento da tener in considerazione, oltre alla specie di pianta e alla varietà di tartufo, è certamente il genotipo da utilizzare, infatti, in molti casi potrebbe essere utile l’utilizzo del genotipo locale di tartufo al fine di aumentare ulteriormente le probabilità di sviluppo nel luogo specifico di destinzione.

Tecniche per la micorizzazione delle piante da tartufo

La tecnica per la micorizzione prevede l’inoculo di spore di tartufo direttamente sull’apparato radicale della pianta favorendo la simbiosi e successivamente questa genererà la formazione del micelio. Le tecniche volte a favorire la micorizzazione possono variare in base a numerosi elementi e tra questi vi è certamente la varietà di tartufo e la specie di pianta di riferimento. Parte del successo della micorizzazione è dato anche dalla predisposizione genetica della pianta che si utilizzerà. A questo punto vi starete chiedendo come si micorizza una pianta da tartufo? E’ possibile micorizzare piante da tartufo in casa a livello amatoriale, con la tecnica del fai da te? A questo secondo quesito potremmo rispondere “sì” secondo la logica del “tutto è possibile” ma è molto improbabile che ciò avvenga o quantomeno che avvenga con successo! Non a caso è stato usato il termine “improbabile”, in questo campo, come in tanti altri della scienza, si tratta proprio di probabilità, utilizzando un approccio scientifico, strumentazione all’avanguardia, laboratorio con strumentazione professionale e soprattutto personale altamente formato e specializzato le probabilità aumentano esponenzialmente diventando spesso certezza. La micorizzazione controllata è un qualcosa di alquanto complesso, una serie di procedure e controlli minuziosi per riprodurre al meglio ciò che la natura stessa genera; tutto volto a favorire la simbiosi tra le radici di una giovane pianta e i funghi. In sintesi, l’uso della micorrizazione controllata sviluppa la rete radicale delle piante, garantisce una migliore resistenza alla siccità e alle malattie e di conseguenza genera un raccolto migliore (più radici, fiori e frutti).

Nei mesi successivi all’inoculazione, le piante vengono regolarmente monitorate e controllate per garantire che la micorrizazione sia efficace e che si evolva positivamente. A tal fine, si osserva in laboratorio il micelio che si sviluppa naturalmente intorno alle spore del fungo.

Ecco perché la micorizzazione delle piante è appannaggio di poche aziende specializzate.

CONTATTACI! SAREMO BEN LIETI DI FORNIRTI TUTTE LE INFORMAZIONI DI CUI HAI BISOGNO


Lascia un commento